Area Riservata

Pubblicato in Psicologia e Scuola

Benedetto computer! In evidenza

Recensioni
(1 Voto)
28 Feb 17

Nicoletta ha 8 anni. La mamma contatta l’associazione per una valutazione di sospetto ADHD,  ha appena preso la pagella, non è male ma le maestre hanno avuto qualcosa da ridire sul comportamento della bambina: è sempre distratta, non rispetta le regole, giocherella continuamente con le matite, si muove sulla sedia, si alza senza permesso, è disordinata, il suo astuccio sembra un campo minato e i suoi quaderni sono pieni di orecchie. I genitori cercano su internet e si accorgono che le frasi utilizzate dalla maestra sono proprio le stesse che hanno trovato sui siti che parlano di ADHD. Inizia la classica procedura di valutazione: anamnesi, questionari per genitori e insegnanti, vari test alla bambina…si decide di iniziare una parent training, tutto secondo copione.

Secondo incontro di parent training:  tecniche psicoeducative, ovvero rinforzo, punizione,      contratto, token economy, diario, ecc. ecc. A questo punto arriva, puntuale come un orologio  svizzero, la frase rivelatrice:

 “Due giorni senza computer e videogiochi? Ma è una punizione per noi!”.

 Il web viene posto come sostituto di un sistema familiare e genitoriale che non funziona più.

Sembra che ormai, l’unico modo per ritagliarsi qualche ora di pace  e tenere a bada i figli sia  assecondare il loro “istinto tecnologico” permettendogli di stare davanti al computer immersi in una  realtà virtuale che, dati alla mano, costituirebbe una vera e propria anticamera per quelle che vengono chiamate nuove dipendenze.

C’è un legame tra un uso eccessivo di videogiochi, internet e social network incida sui meccanismi attentivi e autoregolativi dei bambini?

Non c’è dubbio che l’era digitale ha generato una distorsione nel modo di vivere il tempo e lo spazio, e la conseguenza di questa distorsione è un altro modo di comunicare e di relazionarsi con il mondo; i concetti di distanza e vicinanza non esistono più così come pure l’idea del tempo e di come viene vissuto:

  • il tempo digitale è più intenso (davanti ad uno schermo ci illudiamo di poter fare tante cose insieme a discapito della qualità, della produttività e della concentrazione),
  • il tempo digitale tende a sovrapporsi rendendoci compulsivi, riducendo la nostra capacità di attendere perché non sperimentiamo più la frustrazione dell’attesa (straziante sentimento che però aveva il vantaggio di farci provare una indescrivibile gioia nel momento in cui l’attesa, finalmente, finiva),
  • il tempo digitale ci consente di tenere sotto controllo sensazioni, emozioni, relazioni ed è proprio così se pensiamo che, da un recente studio condotto dal Centro Pediatrico Interdipartimentale per la Psicopatologia da web” del Policlinico Gemelli, è stato dimostrato che due adolescenti in chat, reciprocamente visibili con una web cam, riescono a parlare di argomenti “sensibili” senza diventare rossi.

Internet Addiction

Sul web dunque si realizza l’unica relazione possibile e gli stimoli che ci arrivano quando siamo lontani dallo schermo non bastano più, sono troppo lenti, troppo statici, troppo silenziosi, troppo noiosi. È in quel momento forse che iniziamo a distrarci, a spostare l’attenzione su altro, a dondolarci sulla sedia, a muoverci nervosamente, a far cadere la matita in terra, a scrivere sul quaderno dalla parte sbagliata, a non ascoltare l’insegnante quando detta i compiti, a fare i dispetti alla compagna di banco, a correre tra le corsie del supermercato spingendo il carrello della spesa, a non rispondere quando qualcuno ci chiama, a rompere i giocattoli, a…

Leggendo questo post hai riconosciuto alcune caratteristiche di tuo figlio o di un tuo alunno? Vuoi approfondire l’argomento?

Compila il modulo in fondo a questo articolo e scarica il questionario che ti aiuterà ad individuare i comportamenti di disattenzione e iperattività di tuo figlio o di un tuo alunno e contattaci per partecipare al

PARENT TRAINING E GRUPPO DI SOSTEGNO GENITORI.

L’obiettivo del gruppo sarà il sostegno ed il confronto relativamente a:

  • gestione di comportamenti difficili e a rischio dei propri figli
  • gestione di relazioni genitori-figli complicate
  • problematiche relative a nuclei familiari mono-genitoriali
  • gestione di problematiche scolastiche

Scarica gratuitamente il tuo questionario.

Inserisci i tuoi dati
Termini e Condizioni
Ti ricordiamo che:
Cliccando su ACCETTO acconsenti di ricevere le Newsletters che Psicologia Insieme invia periodicamente ai suoi utenti registrati, i quali potranno comunque sospendere il servizio in qualsiasi momento e senza obbligo alcuno. 

Cliccando su ACCETTO dichiari di aver compreso quanto segue in riferimento ai contributi che Psicologia Insieme mette a disposizione dei suoi utenti:  tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Ti diffidiamo dal duplicare, distribuire, diffondere il presente Ebook, sia in formato cartaceo che digitale, sia a titolo gratuito che a pagamento, senza l’autorizzazione scritta di Psicologia insieme onlus. Gli Ebook di Psicologia Insieme sono frutto di anni di esperienza lavorativa di professionisti esperti nel settore. L’Ebook è pensato come risorsa informativa, formativa, professionalizzante e non intende sostituire alcun atto tipo di specifiche professioni regolamentate. Altresì l’Ebook non garantisce il raggiungimento dei medesimi risultati professionali e personali dell’Autore. In tal senso, il Lettore si assume piena responsabilità circa le proprie scelte e le modalità in cui utilizzerà le conoscenze, metodologie e strumenti qui presentati.


Si, ho preso visione dei Termini e Condizioni e voglio scaricare lo strumento

"Scala individuazione comportamenti di disattenzione e iperattività"


Letto 2149 volte Aggiornato: Mercoledì, 01 Marzo 2017 11:22

Blog a cura di:

Letizia Moretti

Psicologa, specializzata in psicologia scolastica e DSA. Svolgo attività di consulenza privata e riabilitazione per ragazzi con DSA e lavoro come psicologa scolastica nell’ambito di progetti di istituto rivolti sia alle insegnanti che agli alunni. Sono responsabile dell’Area Scuola dell’Associazione Psicologia Insieme Onlus. Faccio parte del Gruppo di Lavoro in Psicologia Scolastica dell’Ordine degli Psicologi del Lazio.

Commenta con Facebook o con DISQUS, scegli tu :-)
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Ultime dal Blog

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornati sulle nostre iniziative e promozioni